Gemeinde-
und Bezirkssuche

Ascoltare la Bibbia, ma nel modo giusto

Predica, cura pastorale e funzioni dirigenziali: tutte e tre si riferiscono alla Bibbia. Tuttavia, le istruzioni non sono sempre ovvie: ciò che dice la Bibbia … e ciò che non dice; ecco una guida che non è destinata solo ai fratelli del ministero.

 
/api/media/510942/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=da94fd882436a82ff4564b8b7348a00d%3A1650723470%3A1128645&width=1500
 

“La dottrina e la vita – Operare conformemente alle Scritture”: questo è il titolo del testo dottrinale del sommoapostolo Jean-Luc Schneider attualmente pubblicato nella rivista dei membri “Community” e nella rivista “Unsere Familie”. L’articolo era stato pubblicato all’inizio nel numero straordinario 3/2017 dei “Pensieri Guida” e si riferisce alla parte spirituale dell’assemblea internazionale degli apostoli di distretto in ottobre 2016.

Trasporre nel presente

“La predica degli apostoli e di tutti gli altri ministri deve sempre concordare con il messaggio biblico!”, ha chiarito il sommoapostolo. Si tratta di trasporre il testo biblico nel presente e di renderlo applicabile ai nostri tempi. Questo fortifica la fede degli uomini, rafforza la loro fiducia in Dio e approfondisce la loro conoscenza.

L’articolo cita qualche regola per l’interpretazione:

  • In primo piano c’è il Nuovo Testamento. Il contenuto degli scritti dell’Antico Testamento è pertinente solo nella misura in cui è conforme al Vangelo.
  • Ogni testo deve essere letto nel rispetto del suo contesto.
  • Trattandosi di miracoli e di parabole, la loro interpretazione non deve andare oltre il senso che Gesù dava loro. Nella parabola delle mine, per esempio, la salvezza concessa da Dio non dipende dalla somma del proprio lavoro.
  • Un’interpretazione accettabile necessita di uno sguardo al testo originale. Perché ogni traduzione della Bibbia costituisce un’interpretazione dal traduttore corrispondente.
  • Alcune parti del Nuovo Testamento sono state redatte in epoche diverse, le epistole sono state scritte all’attenzione di varie chiese. Quindi vi si riflettono situazioni molto diverse.

Un orientamento piuttosto che un oracolo

La guida della Chiesa esige anche l’utilizzo della Bibbia con precauzione durante la cura pastorale: in molti luoghi, durante la visita pastorale, è consuetudine aprire la Bibbia “a caso” per leggervi un passaggio. “Questa tradizione è rispettabile; comporta tuttavia qualche rischio.” Perché succede che i fedeli considerino la parola letta come una profezia o una promessa divina.

Il ministro non ha per missione rivelare il futuro ai fedeli, ma consiste ad affermare i fedeli nella loro fede e la loro fiducia in Dio. “Non sarebbe meglio che il ministro prepari la sua visita chiedendo a Dio di suggerirgli una parola biblica che servi da punto di riferimento e da guida per la visita pastorale?”

Insieme nello Spirito di Cristo

Oltre le dichiarazioni dottrinali relative alla salvezza in Cristo, si trovano anche nel Nuovo Testamento delle direttive riguardo la direzione delle Chiese. Però, ciò non rientra nella dottrina vera e propria, ha sottolineato il sommoapostolo: questo genere di passaggi biblici “risultano direttamente delle condizioni di vita atte a quell’epoca e sono valide solo in rapporto a quest’ultime.” Egli cita espressamente come esempio concreto il ruolo della donna all’interno della Chiesa.

D’altronde, le funzioni direttive non hanno nessun rapporto con l’esercizio di poteri ministeriali. “Chiaramente, il sommoapostolo e gli apostoli di distretto non operano per mandato e potere di Gesù Cristo quando prendono decisioni di ordine organizzativo o finanziario.” Comunque: “Ogni persona incaricata di funzione direttiva, a qualunque livello della Chiesa, deve decidere ed agire nello Spirito di Cristo.”

“Dio dona alla Chiesa ogni dono necessario”, il sommoapostolo Schneider ne è convinto. Alcuni sono distribuiti a livello individuale, altri solo nell’interazione di più persone: “All’epoca attuale, le sfide da affrontare sono così numerose e complesse che nessun responsabile della Chiesa può permettersi il lusso di governare da monarca assoluto!”

 

Fotos: schulzfoto - Fotolia
Autor: Andreas Rother
Datum: 02.07.2020
Themen: Fede